Home > Blog > Equinozio di Primavera: tempo di nuovi inizi

Equinozio di Primavera: tempo di nuovi inizi

21 Marzo 2020

A Villa Tiepolo Passi, le stagioni sono scandite dal percorso del sole: allineata con l’alba e il tramonto nei solstizi d’estate e d’inverno, la Villa è in pratica un antichissimo orologio solare. 

Il 20 marzo, giorno dell’Equinozio di Primavera, anticamente, Venezia festeggiava il suo Capodanno.  La Repubblica adottava infatti il calendario Giuliano, quello di Giulio Cesare, fatto di 10 mesi: il settimo era settembre, l’ottavo ottobre, nove novembre, dieci dicembre e poi subito Marzo, il primo mese dell’anno nuovo e l’inizio della stagione agraria. 
Col Bati Marso, la tradizione vuole che i ragazzini andassero per via battendo i coperchi delle pentole per allontanare l’inverno e svegliare la primavera. Il calendario cambiò, diventando quello attuale, adottato da quasi tutto il mondo, con papa Gregorio XIII, il 4 ottobre 1582 con la bolla papale Inter gravissimas. L’ottobre di quell’anno si trovò ad avere 10 giorni di meno!

A Villa Tiepolo Passi, le stagioni sono scandite dal percorso del sole: gli angoli a nord e a sud sono allineati con l’alba e il tramonto nei solstizi d’estate e d’inverno, mentre i lati est e ovest  incrociano i raggi del sole negli equinozi di primavera e d’autunno. La Villa sorge infatti su un antico Castelliere paleoveneto: un terrapieno quadrangolare sopraelevato sul piano campagna di circa due metri e mezzo, la cui caratteristica “vitale" era quella di essere orientato con il sole. Per questo, Villa Tiepolo Passi è in pratica un antichissimo orologio solare.

Stanno a testimoniarlo i due busti marmorei sul lato est e ovest del selese (la corte nobile antistante la Villa): hanno lo sguardo rivolto al sole mentre nasce e tramonta nei solstizi d’estate e d’inverno, i giorni più lungo e più corto dell’anno, 21 giugno e 21 dicembre. Sono Democrito ed Eraclito, universalmente ricordati come il filosofo che ride e il filosofo che piange. Li scolpì il Bernardi, detto il Torretto, nella cui bottega era apprendista il giovane Antonio Canova.

Raccontano una storia: “La nostra vita, la tua vita", ammoniscono, "è legata alla natura del Cielo e della Terra, da loro dipende il nostro carattere, se siamo allegri o se siamo tristi, e da loro, non da noi, dipende il passaggio inesorabile del tempo e delle stagioni, e quando è necessario preparare la terra, seminare, raccogliere …”. 

Con l’augurio che questo “nuovo inizio” sia per tutti portatore di gioia, salute e prosperità.

Copyright © Alberto Passi, tutti i diritti riservati

Equinozio di Primavera: tempo di nuovi inizi

Potrebbe interessarti

  •  17 gennaio: la dea Cerere e il porcello di Sant'Antonio
    17 Gennaio 2021
    17 gennaio: la dea Cerere e il porcello di Sant'Antonio

    Lei ha insegnato agli uomini la coltivazione dei campi, lui, il Santo, è il benefattore dei raccolti  e il vincitore del Male. In comune hanno un maiale...  Gelo e tempo di purific...

    Approfondisci
  • Donne e Madonne in Villa
    08 Dicembre 2020
    Donne e Madonne in Villa

    In occasione dell’8 dicembre, un piccolo racconto della “Vita in Villa”, governata dalle donne e protetta dalle Madonne della casa. “Orsù dunque, Avvocata nostra, rivol...

    Approfondisci
  • Il Kaki, frutto degli Dei
    18 Novembre 2020
    Il Kaki, frutto degli Dei

    Frutto tipico della stagione autunnale e invernale, il Pomo caco ha numerose proprietà benefiche e un colore che porta allegria in tavola.Il Diospoyros kaki, cibo degli dei, detto anche "mela d...

    Approfondisci
  • Votandoci a Tutti i Santi e snobbando Halloween... Niente zucche ma mele cotogne (da vendere)
    01 Novembre 2020
    Votandoci a Tutti i Santi e snobbando Halloween... Niente zucche ma mele cotogne (da vendere)

    Mele cotogne biologiche del Brolo di Villa Tiepolo Passi Futto antichissimo, rustico e profumato, ha avuto grande fortuna sulle tavole dei principi rinascimentai. Ne nascono ancor oggi prodotti s...

    Approfondisci
  • I Maestri che lavorarono in Villa
    18 Ottobre 2020
    I Maestri che lavorarono in Villa

    Domenica 18 ottobre celebriamo la festa di San Luca Evangelista, protettore degli artisti, con un tour guidato alla scoperta dei grandi Maestri che lavorarono a Villa Tiepolo Passi, e a seguire un del...

    Approfondisci
  • La Sagretta
    11 Ottobre 2020
    La Sagretta

    L'antica Cappella Gentilizia di Villa Tiepolo Passi è intitolata alla Madonna del Rosario, figura venerata dai veneziani dopo la vittoriosa battaglia navale di Lepanto (1571). Oggi è anc...

    Approfondisci
  • Ville Venete Aperte
    04 Ottobre 2020
    Ville Venete Aperte

    Perchè apriamo le Ville ? Perchè sono parte della nostra terra, della sua storia e della sua identità. Perchè conoscendo le cose belle che ci circondano ne diventiamo tutt...

    Approfondisci
  • Settembre in Villa
    01 Settembre 2020
    Settembre in Villa

    Che mese il Settembre in Villa! Una volta era l'ultimo scampolo vacanziero prima di tornare in città e s'accendevano  le feste, i balli, gli inviti a pranzo... Oggi in Villa l'atmosfera no...

    Approfondisci
  • Ferragosto - In onore di Augustus e in memora del Doge Lorenzo Tiepolo
    15 Agosto 2020
    Ferragosto - In onore di Augustus e in memora del Doge Lorenzo Tiepolo

    Il Riposo di Augusto, Feriae Augusti, da cui Ferragosto, venne istituito dall'imperatore Augusto nel 18 a.C.. In quello stesso mese si festeggiavano i Vinalia Rustica (il vino dell'anno precedente e&n...

    Approfondisci
  • Estate in Villa - Sei ombre
    10 Luglio 2020
    Estate in Villa - Sei ombre

    Senza saperlo, qui da noi in villa si viveva una finestrella sulla Pax Venetiana d’altri tempi, in armonia uomini e natura.Mio nonno stava con i “suoi” contadini...

    Approfondisci