Home > Blog > A Carnevale...

A Carnevale...

09 Febbraio 2021

A Carnevale, fritole se vi pare...e ogni scherzo vale
I re avevano a corte un giullare…che intratteneva con frizzi e lazzi, ma “con riguardo”, facendo ben attenzione a non esagerare. Venezia aveva le Maschere, la Commedia dell’Arte, e l’intero apparato di governo, Doge, Procuratori, Senato, i patrizi insomma, era preso di mira dallo sfottò. Condizione di una città libera, una Repubblica (Res Publica letteralmente vuol dire la Cosa di Tutti) che, per antica consuetudine, voleva innanzitutto il bene del popolo. E se non stava bene, il popolo mugugnava, non se ne stava affatto zitto o intimorito, protestava e non perdeva  occasione per colpire a parole, senza ritegno, malgoverno e costumi della classe dominante.
Il Ruzzante, drammaturgo e scrittore padovano impiegato alla corte dei Barbaro nel ‘500, inaugura questa moda letteraria, rivelando uno status civile e un carattere, frequente nei veneti, ironico, pungente, ridanciano, se pur a volte amaro.  Il Carnevale, i Giochi in piazza, le Feste, le Regate erano del popolo e per il popolo e vi si univano con gran piacere i nobili, a tutti gli effetti parte di esso. Loro, i siori, fascia alta della società, dovevano dare il buon esempio, nel rispetto delle regole del buon comportamento, mitigati anche dalle "Leggi suntuarie”, scritte per il contenimento del lusso, per la decenza e la sobrietà del vivere civile. Di queste leggi ce ne fu una che rincarò le farine perché, a quanto pare, i veneziani mangiavano troppi dolci… 

E di fatto si legge di fritole, crostoli, castagnole, amaretti, baicoli, buranelli, zaleti, bussolai, cialdoni, focacce, storti, stortioni, ciarlotte, ossi da morto, pevarini, schizoti, sugoli e molto altro della ricchissima gamma di leccornie veneziane ad opera dei Scaletteri, i Ciambellai, gli Offellari ovvero i Castellieri e tutti gli infiniti specialisti di paste e dolci in Venezia.

Insomma, col Carnevale, ma un po’ tutto l’anno perché ogni occasione era buona per far festa, dalle scorpacciate di dolci e dalla satira non si salvava nessuno…Con buona pace dei parrucconi (Pantalon) e gran consolazione del popolo sovrano (Arlecchino e Colombina).

Copyright @Alberto Passi, tutti i diritti riservati
A Carnevale...

Potrebbe interessarti

  • L'antico Capodanno veneziano e un omaggio alle donne
    07 Marzo 2021
    L'antico Capodanno veneziano e un omaggio alle donne

    Venite fuori genti, venite in strada a far casoto, recita la filastrocca del Bati Marso, venite a bàtar Marso co coerci, tece e pignate! Il baccano prodotto dallo sbattere dei coperchi delle pe...

    Approfondisci
  • Le Frittelle
    15 Febbraio 2021
    Le Frittelle

    Le Frittelle secondo la ricetta di Villa Tiepolo PassiVideo della ricettaINGREDIENTI 500 gr. FARINA 75 gr. ZUCCHERO 25 gr. LIEVITO DI BIRRA 1 bicchiere di LATTE TIEPIDO 1 o 2 UOVA UVETTE ammollate nel...

    Approfondisci
  •  17 gennaio: la dea Cerere e il porcello di Sant'Antonio
    17 Gennaio 2021
    17 gennaio: la dea Cerere e il porcello di Sant'Antonio

    Lei ha insegnato agli uomini la coltivazione dei campi, lui, il Santo, è il benefattore dei raccolti  e il vincitore del Male. In comune hanno un maiale...  Gelo e tempo di purific...

    Approfondisci
  • Donne e Madonne in Villa
    08 Dicembre 2020
    Donne e Madonne in Villa

    In occasione dell’8 dicembre, un piccolo racconto della “Vita in Villa”, governata dalle donne e protetta dalle Madonne della casa. “Orsù dunque, Avvocata nostra, rivol...

    Approfondisci
  • Il Kaki, frutto degli Dei
    18 Novembre 2020
    Il Kaki, frutto degli Dei

    Frutto tipico della stagione autunnale e invernale, il Pomo caco ha numerose proprietà benefiche e un colore che porta allegria in tavola.Il Diospoyros kaki, cibo degli dei, detto anche "mela d...

    Approfondisci
  • Votandoci a Tutti i Santi e snobbando Halloween... Niente zucche ma mele cotogne (da vendere)
    01 Novembre 2020
    Votandoci a Tutti i Santi e snobbando Halloween... Niente zucche ma mele cotogne (da vendere)

    Mele cotogne biologiche del Brolo di Villa Tiepolo Passi Futto antichissimo, rustico e profumato, ha avuto grande fortuna sulle tavole dei principi rinascimentali. Ne nascono ancor oggi prodotti ...

    Approfondisci
  • I Maestri che lavorarono in Villa
    18 Ottobre 2020
    I Maestri che lavorarono in Villa

    Domenica 18 ottobre celebriamo la festa di San Luca Evangelista, protettore degli artisti, con un tour guidato alla scoperta dei grandi Maestri che lavorarono a Villa Tiepolo Passi, e a seguire un del...

    Approfondisci
  • La Sagretta
    11 Ottobre 2020
    La Sagretta

    L'antica Cappella Gentilizia di Villa Tiepolo Passi è intitolata alla Madonna del Rosario, figura venerata dai veneziani dopo la vittoriosa battaglia navale di Lepanto (1571). Oggi è anc...

    Approfondisci
  • Ville Venete Aperte
    04 Ottobre 2020
    Ville Venete Aperte

    Perchè apriamo le Ville ? Perchè sono parte della nostra terra, della sua storia e della sua identità. Perchè conoscendo le cose belle che ci circondano ne diventiamo tutt...

    Approfondisci
  • Settembre in Villa
    01 Settembre 2020
    Settembre in Villa

    Che mese il Settembre in Villa! Una volta era l'ultimo scampolo vacanziero prima di tornare in città e s'accendevano  le feste, i balli, gli inviti a pranzo... Oggi in Villa l'atmosfera no...

    Approfondisci