Home > Blog > Donne e Madonne in Villa

Donne e Madonne in Villa

08 Dicembre 2020

In occasione dell’8 dicembre, un piccolo racconto della “Vita in Villa”, governata dalle donne e protetta dalle Madonne della casa.

“Orsù dunque, Avvocata nostra, rivolgi a noi…”: la voce altisonante della nonna Maria e il coro delle pie donne del paese riunite in chiesina per il rosario quotidiano delle tre. E io non potevo fare a meno di chiedermi, ogni volta, che ci stessero a fare un orso e un avvocato con la Madonna. Dopo aver suonato campanella e botto giocando con le funi nella torre campanaria, non ero riuscito a scantonare e la nonna, una volta di più, mi aveva voluto vicino a sé. Le ginocchia mi dolevano sul gradino gelido di marmo dell’altare, e un po' fantasticavo, un po' dicevo anch’io improvvisando in quel “bimbumbam” di voci, ansiti, respiri, accenti, mezzi toni, silenzi. Lieto, leggero e sentendomi più buono quando quelle preghiere, alzando i toni e stropicciando le parole (in latino) andavano finendo a ritmo di tamburo con i misteri gaudiosi, nell’impeto e trionfo della fede.

Ai Morti il rosario lo si diceva dai nonni in salotto (troppo umido in chiesina), tutti inginocchiati tra divani e tavolini da canasta. C’era anche mia madre allora, e a volte la nonna Emilia, arrivata da Torino. A lei bastava lanciassi un’occhiata di traverso, tra un Santamaria e l’altro, e partiva, non c’era verso, le veniva il “boresso”, un “incocconamento” di risate soffocate fino alle lacrime. E io dietro, con mio fratello e tre sorelle, un’epidemia di ridarola tra fremiti trattenuti e singhiozzi repressi. E ovviamente arrivavano anche le occhiatacce, soprattutto delle zie - due sorelle di mio padre e le tre cugine zitelle del nonno - che facevano finta di niente alzando gli occhi al cielo, ma si capiva che deploravano. 
Il nonno Sandro, pater familias, a fine rosario, quando ci si assiepava intorno alla tavola con tè, cioccolata calda, biscotti e le favette colorate dei morti, guardando nel vuoto (la consuocera, affatto pentita, ma un po’ vergognosa, seduta alla sua destra), commentava serio con il proverbiale “risus abundat…”.

Al rosario partecipavano anche le altre donne di casa. La Emma, che governava il Brolo dove razzolavano i polli e per questo, credevo io, si chiamava Emma Polo. C’era l’Imelda, la nostra amorosa custode, e sua sorella Tona che veniva a lavorare in guardaroba. E c’erano l’Armida, la cuoca veneziana e Maria, la nostra tata.

Donne e Madonne. Sì, perché ogni angolo della Villa era - ed è ancora - presidiato da un’icona di Maria. La Madonna del Rosario in chiesina, tra i santi Girolamo e Gaetano; la Madonna del cantinon, che dal muro esterno della cantina osservava il lavoro nelle campagne; la Madonna dei temporali, posta in un vano a mezza scala in casa dei nonni, il cui lume sempre acceso proteggeva la nonna terrorizzata da tuoni e lampi dei temporali estivi; c’era in biblioteca la Madonna della Fuga in Egitto, una preziosa incisione di rame, dono dello zio arcivescovo Carlo Alberto; e la “Madonnetta” di Lourdes, con la Santa Bernadetta, della grotta in fondo al giardino, la preferita di noi bambini, perché era lì che andavamo a nasconderci e a combinare marachelle, ben più che a pregare

Copyright @Alberto Passi, tutti i diritti riservati

Donne e Madonne in Villa

Potrebbe interessarti

  • 2 giugno, festa della Repubblica
    02 Giugno 2021
    2 giugno, festa della Repubblica

    Ripartire dal Bene ComuneNessuno fa caso o ricorda o sa che Repubblica deriva da "Res Publica”, il cui significato letterale è “la Cosa di Tutti”, buona o cattiva che sia...

    Approfondisci
  • Festa della Mamma: dalla Grande Madre all'Ecologia Totale
    09 Maggio 2021
    Festa della Mamma: dalla Grande Madre all'Ecologia Totale

    La festa della mamma evoca storie, filosofie, personaggi, riti, credenze, tradizioni che attraversano i millenni fino ai giorni nostri, percorrendo l’universo mondo e ponendoci di fronte al...

    Approfondisci
  • San Marco, il Leone e il Bocolo
    25 Aprile 2021
    San Marco, il Leone e il Bocolo

    A Venezia, il 25 aprile, si festeggia San Marco, protettore della città. Inviato da Pietro e Paolo, Marco iniziò il suo percorso di evangelizzazione ad Aquileia, per approdare in seguito...

    Approfondisci
  • Buona Pasqua
    04 Aprile 2021
    Buona Pasqua

    Anche quest'anno, come da tradizione, a Pasqua faremo a gara con le uova sode colorate, "i vovi duri". Si sceglie il proprio e si "sbocia" sopra e sotto contro l'uovo avversario. Chi ha il guscio pi&u...

    Approfondisci
  • Equinozio di Primavera
    20 Marzo 2021
    Equinozio di Primavera

    Il 20 marzo - equinozio di primavera - segna il passaggio della stagione invernale a quella primaverile. Il giorno e la notte hanno la stessa durata, 12 ore. Il 20 o il 21? Il 21 marzo era la data sta...

    Approfondisci
  • L'antico Capodanno veneziano e un omaggio alle donne
    07 Marzo 2021
    L'antico Capodanno veneziano e un omaggio alle donne

    Venite fuori genti, venite in strada a far casoto, recita la filastrocca del Bati Marso, venite a bàtar Marso co coerci, tece e pignate! Il baccano prodotto dallo sbattere dei coperchi delle pe...

    Approfondisci
  • Le Frittelle
    15 Febbraio 2021
    Le Frittelle

    Le Frittelle secondo la ricetta di Villa Tiepolo PassiVideo della ricettaINGREDIENTI 500 gr. FARINA 75 gr. ZUCCHERO 25 gr. LIEVITO DI BIRRA 1 bicchiere di LATTE TIEPIDO 1 o 2 UOVA UVETTE ammollate nel...

    Approfondisci
  • A Carnevale...
    09 Febbraio 2021
    A Carnevale...

    A Carnevale, fritole se vi pare...e ogni scherzo valeI re avevano a corte un giullare…che intratteneva con frizzi e lazzi, ma “con riguardo”, facendo ben attenzione a non esagerare....

    Approfondisci
  •  17 gennaio: la dea Cerere e il porcello di Sant'Antonio
    17 Gennaio 2021
    17 gennaio: la dea Cerere e il porcello di Sant'Antonio

    Lei ha insegnato agli uomini la coltivazione dei campi, lui, il Santo, è il benefattore dei raccolti  e il vincitore del Male. In comune hanno un maiale...  Gelo e tempo di purific...

    Approfondisci
  • Il Kaki, frutto degli Dei
    18 Novembre 2020
    Il Kaki, frutto degli Dei

    Frutto tipico della stagione autunnale e invernale, il Pomo caco ha numerose proprietà benefiche e un colore che porta allegria in tavola.Il Diospoyros kaki, cibo degli dei, detto anche "mela d...

    Approfondisci