Home > Blog > Furti in brolo. Emma.

Furti in brolo. Emma.

05 Settembre 2021

A giugno iniziavano i furti in brolo. Con le ciliegie. Poi era la volta dei peretti di San Piero, le albicocche, le pesche, le prugne, le angurie, i fichi, e s’andava all'autunno con l’uva da tavola, mele, pere, cachi. Ma non mancavano noci e nocciole e persino melograni. Non era semplice arrivare in brolo senza essere visti. Il tratto scoperto più breve era quello tra il folto del parco e il cancelletto a confine tra quei due mondi, l’orto avventuroso e odoroso di frutta e il giardino romantico e piuttosto stucchevole. Il cancelletto non era alto, circa un metro e trenta, ma sempre chiuso a lucchetto e armato di punte ritorte a tridente di ferro battuto. Bisognava stare bene attenti di non lasciarci brandelli di pelle o, peggio, di stoffa dei calzoncini e della maglietta. Passato quel confine, se non si incontrava nessuno, uomini a dar acqua o a sfalciare l’erba (ma ci eravamo premurati prima che si trovassero altrove), ci fiondavamo a balzelloni sotto i ciliegi giganti e, zompati sui rami più bassi, come scimmie li scalavano tra le fronde cominciando a mangiar ciliegie a sbroffo, ridacchiando e sputando gli ossi in testa a chi saliva dietro. A gara cercavamo di raggiungere certi grappoletti succosi ben esposti al sole, lontani dalla portata, ma così invitanti su quei rami fragili, e ci si spingevamo sulla punta estrema dell’albero, sottile e oscillante al vento a dieci metri da terra, veri e propri esercizi funambolici, uno spasso. E quei frutti, conquistati al prezzo di graffi e sbucciature su gambe e braccia e striature verdi e marroni sui vestiti per le quali ci sarebbe stato un altro dazio da pagare - dove ti sei cacciato per conciarti in quel modo! -  quei frutti erano così buoni che ancor oggi ne percepisco il sapore, l’indelebile memoria delle papille gustative. 
Un occhio era sempre di vedetta all’ingresso laterale del brolo da cui, da un momento all’altro, avrebbe potuto arrivare la Emma. La Emma. Tutti i giorni raccoglieva la frutta di quel luogo magico, soleggiato e festoso. La riponeva in certi cesti di ferro intrecciato sul cui fondo aveva messo delle foglie di fico perché non s’ammaccasse. Frutta da servire fresca in tavola ai nonni. Emma era piccola, tozza, abito nero a puà bianchi minuscoli, come la livrea delle faraone, una specie di divisa permanente, i capelli grigi tirati sulla testa con la riga in mezzo e raccolti sulla nuca, il volto rugoso bello, con zigomi alti, gli occhi come fessure e sempre un sorriso sulle labbra. Intelligente e ironica - battezzava tutti con le sue , fedele e instancabile, in Villa dall’età di 16 anni, non s’è mai saputo di un amore o una qualche storia. Gestiva oltre al brolo anche il broletto con gli animali da cortile e faceva da balia ai bachi da seta che, appena nati e microscopici, racchiusi in un panno di cotone, nelle notti gelide teneva a letto al caldo ponendosi quel sudario brulicante sul petto. 
Quasi sempre la Emma arrivava in brolo mentre eravamo appesi a qualche ramo o famelici intorno a un albicocco o a razziare angurie o a mangiar peretti o fichi. Immobili ci zittivamo tra le fronde sperando che non alzasse gli occhi o ci appiattivamo nell’erba o dietro un tronco. Se ci vedeva gridava con un una certa veemenza, Ndè via, ladri, ghe o digo aea contesa, se o sa el conte ve copa… In un attimo eravamo a terra e filavamo a gambe levate sghignazzando. Ma a volte passava e non ci vedeva, o forse ci aveva ben visti, e se la rideva tra sé e sé, perché ci voleva bene e sapeva che non facevano un gran danno. Noi sgusciavamo via come spie e ci mettevamo al sicuro pensando di averla fatta franca.

Copyright © Alberto Passi, tutti i diritti riservati
 
Furti in brolo. Emma.

Potrebbe interessarti

  • Il rio, il lago, zattere, piroghe e malanni
    05 Agosto 2021
    Il rio, il lago, zattere, piroghe e malanni

    Te vedarà to nono! Stavolta te e ciapi… La Emma sorrideva come sempre con quelle due fessure al posto degli occhi, zigomi alti e rugosi, le labbra strette che lasciavano però...

    Approfondisci
  • 2 giugno, festa della Repubblica
    02 Giugno 2021
    2 giugno, festa della Repubblica

    Ripartire dal Bene ComuneNessuno fa caso o ricorda o sa che Repubblica deriva da "Res Publica”, il cui significato letterale è “la Cosa di Tutti”, buona o cattiva che sia...

    Approfondisci
  • Festa della Mamma: dalla Grande Madre all'Ecologia Totale
    09 Maggio 2021
    Festa della Mamma: dalla Grande Madre all'Ecologia Totale

    La festa della mamma evoca storie, filosofie, personaggi, riti, credenze, tradizioni che attraversano i millenni fino ai giorni nostri, percorrendo l’universo mondo e ponendoci di fronte al...

    Approfondisci
  • San Marco, il Leone e il Bocolo
    25 Aprile 2021
    San Marco, il Leone e il Bocolo

    A Venezia, il 25 aprile, si festeggia San Marco, protettore della città. Inviato da Pietro e Paolo, Marco iniziò il suo percorso di evangelizzazione ad Aquileia, per approdare in seguito...

    Approfondisci
  • Buona Pasqua
    04 Aprile 2021
    Buona Pasqua

    Anche quest'anno, come da tradizione, a Pasqua faremo a gara con le uova sode colorate, "i vovi duri". Si sceglie il proprio e si "sbocia" sopra e sotto contro l'uovo avversario. Chi ha il guscio pi&u...

    Approfondisci
  • Equinozio di Primavera
    20 Marzo 2021
    Equinozio di Primavera

    Il 20 marzo - equinozio di primavera - segna il passaggio della stagione invernale a quella primaverile. Il giorno e la notte hanno la stessa durata, 12 ore. Il 20 o il 21? Il 21 marzo era la data sta...

    Approfondisci
  • L'antico Capodanno veneziano e un omaggio alle donne
    07 Marzo 2021
    L'antico Capodanno veneziano e un omaggio alle donne

    Venite fuori genti, venite in strada a far casoto, recita la filastrocca del Bati Marso, venite a bàtar Marso co coerci, tece e pignate! Il baccano prodotto dallo sbattere dei coperchi delle pe...

    Approfondisci
  • Le Frittelle
    15 Febbraio 2021
    Le Frittelle

    Le Frittelle secondo la ricetta di Villa Tiepolo PassiVideo della ricettaINGREDIENTI 500 gr. FARINA 75 gr. ZUCCHERO 25 gr. LIEVITO DI BIRRA 1 bicchiere di LATTE TIEPIDO 1 o 2 UOVA UVETTE ammollate nel...

    Approfondisci
  • A Carnevale...
    09 Febbraio 2021
    A Carnevale...

    A Carnevale, fritole se vi pare...e ogni scherzo valeI re avevano a corte un giullare…che intratteneva con frizzi e lazzi, ma “con riguardo”, facendo ben attenzione a non esagerare....

    Approfondisci
  •  17 gennaio: la dea Cerere e il porcello di Sant'Antonio
    17 Gennaio 2021
    17 gennaio: la dea Cerere e il porcello di Sant'Antonio

    Lei ha insegnato agli uomini la coltivazione dei campi, lui, il Santo, è il benefattore dei raccolti  e il vincitore del Male. In comune hanno un maiale...  Gelo e tempo di purific...

    Approfondisci