Home > Blog > "No vo a combatar": la storia di Venezia insegna

"No vo a combatar": la storia di Venezia insegna

27 Marzo 2020

Il coraggio non serve a nulla se al momento opportuno non si è capaci di fare un passo indietro, di fermarsi per il bene della collettività. Questo insegnamento, che arriva dai nostri avi, oggi è più attuale che mai. 

“No vo a combatar” è un modo di dire frequente nel Veneto. "Non vado a combattere” è la traduzione letterale. In realtà significa “non voglio problemi”, “non mi metto a discuterne”, “so quanto basta, non serve saperne di più”. E' l’anima diplomatica del popolo veneto. Il suo dna. Non mancanza di coraggio, né menefreghismo, ma piuttosto la consapevolezza che la Polis, la Politica può più del singolo. E che è meglio “ascoltare”, "fare” e rigar dritto. 

In quel modo di dire parla ancora il Veneto antico, il Popolo Mite dell’Età del Bronzo, orgoglioso ma pacifico, accogliente e creativo, diligente e furbo. Caratteri mai perduti. La diplomatia della Serenissima – tatto, finezza, abilità nel trattare questioni delicate - è ancor oggi materia di studio nelle università del mondo, esempio di fulgida ... “diplomazia” appunto, quella che fece la fortuna dello Stato veneziano ai tempi della Repubblica. Dicevano: “In pase se fa affari, in guera no”. La guerra era considerata spreco di risorse. Ecco: "No vo a combatar”.  Le monarchie europee conquistavano il mondo con la spada, Venezia con il commercio dietro cui c’era un'immensa capacità manifatturiera. 

Il Leone di San Marco tiene un libro aperto simbolo di Sapienza e Pace. La Cultura innanzitutto nella loro visione del mondo e, ben ultima in graduatoria “la guerra", dicevano "solo se necessaria". Disposti a morire non per conquistare, ma per difendere ciò che amavano di più e in cui credevano: la famiglia e la patria più della loro stessa vita.

All’epoca delle grandi pestilenze lo Stato veneziano fu il primo a emanare provvedimenti come la Quarantena, nominando tre tutori della salute pubblica contro la Peste Nera (1347); e fu il primo a istituire i Lazzaretti, quello Nuovo per testare i sospetti di contagio e il Lazzaretto Vecchio per i malati conclamati. 

Intraprendenza, coraggio, diplomazia, pazienza, sono tratti che ancora oggi caratterizzano i veneti. Prendiamo esempio dai nostri predecessori. Diciamo anche noi: “No vo a combatar, basta, sto casa!”. Senza discutere, nello sforzo di difendere ciò che continua a essere il bene più prezioso: la salute e la prosperità non del singolo, ma della comunità intera. 

Copyright © Alberto Passi, tutti i diritti riservati

Potrebbe interessarti

  • 2 giugno, festa della Repubblica
    02 Giugno 2021
    2 giugno, festa della Repubblica

    Ripartire dal Bene ComuneNessuno fa caso o ricorda o sa che Repubblica deriva da "Res Publica”, il cui significato letterale è “la Cosa di Tutti”, buona o cattiva che sia...

    Approfondisci
  • Festa della Mamma: dalla Grande Madre all'Ecologia Totale
    09 Maggio 2021
    Festa della Mamma: dalla Grande Madre all'Ecologia Totale

    La festa della mamma evoca storie, filosofie, personaggi, riti, credenze, tradizioni che attraversano i millenni fino ai giorni nostri, percorrendo l’universo mondo e ponendoci di fronte al...

    Approfondisci
  • San Marco, il Leone e il Bocolo
    25 Aprile 2021
    San Marco, il Leone e il Bocolo

    A Venezia, il 25 aprile, si festeggia San Marco, protettore della città. Inviato da Pietro e Paolo, Marco iniziò il suo percorso di evangelizzazione ad Aquileia, per approdare in seguito...

    Approfondisci
  • Buona Pasqua
    04 Aprile 2021
    Buona Pasqua

    Anche quest'anno, come da tradizione, a Pasqua faremo a gara con le uova sode colorate, "i vovi duri". Si sceglie il proprio e si "sbocia" sopra e sotto contro l'uovo avversario. Chi ha il guscio pi&u...

    Approfondisci
  • Equinozio di Primavera
    20 Marzo 2021
    Equinozio di Primavera

    Il 20 marzo - equinozio di primavera - segna il passaggio della stagione invernale a quella primaverile. Il giorno e la notte hanno la stessa durata, 12 ore. Il 20 o il 21? Il 21 marzo era la data sta...

    Approfondisci
  • L'antico Capodanno veneziano e un omaggio alle donne
    07 Marzo 2021
    L'antico Capodanno veneziano e un omaggio alle donne

    Venite fuori genti, venite in strada a far casoto, recita la filastrocca del Bati Marso, venite a bàtar Marso co coerci, tece e pignate! Il baccano prodotto dallo sbattere dei coperchi delle pe...

    Approfondisci
  • Le Frittelle
    15 Febbraio 2021
    Le Frittelle

    Le Frittelle secondo la ricetta di Villa Tiepolo PassiVideo della ricettaINGREDIENTI 500 gr. FARINA 75 gr. ZUCCHERO 25 gr. LIEVITO DI BIRRA 1 bicchiere di LATTE TIEPIDO 1 o 2 UOVA UVETTE ammollate nel...

    Approfondisci
  • A Carnevale...
    09 Febbraio 2021
    A Carnevale...

    A Carnevale, fritole se vi pare...e ogni scherzo valeI re avevano a corte un giullare…che intratteneva con frizzi e lazzi, ma “con riguardo”, facendo ben attenzione a non esagerare....

    Approfondisci
  •  17 gennaio: la dea Cerere e il porcello di Sant'Antonio
    17 Gennaio 2021
    17 gennaio: la dea Cerere e il porcello di Sant'Antonio

    Lei ha insegnato agli uomini la coltivazione dei campi, lui, il Santo, è il benefattore dei raccolti  e il vincitore del Male. In comune hanno un maiale...  Gelo e tempo di purific...

    Approfondisci
  • Donne e Madonne in Villa
    08 Dicembre 2020
    Donne e Madonne in Villa

    In occasione dell’8 dicembre, un piccolo racconto della “Vita in Villa”, governata dalle donne e protetta dalle Madonne della casa. “Orsù dunque, Avvocata nostra, rivol...

    Approfondisci